Archivi tag: cultura

La Signora della Lacina : leggende calabresi.

di Maria Lombardo

Aroccato su un acrocoro, che dominava la vallata diradante nei boschi della Lacina, svettava un piccolo maniero, ormai diruto ed abbandonato. Un ambiente arcano, permeato dal fascino misterioso, tipico dei luoghi quasi fuori dal tempo, denominato appunto, “Lacina” poiché circondato da fitti boschi. Poche e frammentarie le notizie che circondano le vicende di quel castello edificato, probabilmente, sui ruderi di un tempietto dedicato alla dea Hera Lacinia, a sua volta, eretto dai dagli antichi boscaioli che fornivano di legname le colonie della Magna Grecia e dal cui culto la zona prese il nome. Evidentemente, nei piani della Lacina, dove c’era una rigogliosa radura, sorgeva un  insediamento greco-romano di una certa importanza. Ai primi del 1500 al suo posto vi era un villaggio che, sorto per favorire lo sfruttamento forestale, fu poi fortificato  da un muro di pietra e, a sua difesa, fu schierata una piccola guarnigione di soldati. In quel sito, detto “Chianu da Jannara” poi ricadente nel comune di Cardinale, sorse quindi, verso il 1580, il Castello, per permettere alla baronessa di allora, Ernestina Scoppa, di trascorrere le vacanze estive. L’ultima proprietaria  pare sia stata una tale Maria Enrichetta Scoppa, baronessa di Badolato, nata a Sant’Andrea  nel 1831, che .elesse il castelletto  della Lacina a propria dimora in gran parte estiva fino al 1912, anno della sua dipartita. Ella era descritta come donna di profondi sentimenti religiosi. Non tanto santarella pare sia stata, invece, un’altra sua lontana antenata, anche lei nobildonna, e certo baronessa pure lei, che diede origine ad una leggenda che, in passato, ha certamente suscitato non poco i pensieri pruriginosi degli uomini e le critiche invidiose delle donne delle comunità limitrofe, dedite queste alle attività agricole e pastorali in particolare che dai luoghi erbosi e legnosi della Lacina  traevano profitto. Fino a qualche decennio addietro, infatti, si narrava che la bella Signora della Lacina, sempre alla ricerca di facili, ma segrete avventure amorose, fosse solita ospitare, nella sua isolata magione, aitanti uomini, al più giovanotti, dei paesi vicini che, spinti dal curioso desiderio vi si avventuravano, ma che erano destinati, però, dopo aver goduto, con lei, dei piaceri della carne, a scomparire nelle paludi circostanti. I vecchi pastori narravano che in quella estesa e lacunosa torbiera era possibile che una coppia di buoi sparisse rapidamente senza più essere vista. A quell’antica residenza, era anche associata una chiesetta, di cui si è persa ogni traccia ,e della quale, molto probabilmente, quella focosa baronessa si serviva come esca per i suoi incauti amanti. Un primo innocente incontro nella cappella, poi un piacevole soggiorno al castello per alcuni giorni e dopo tre o quattro notti di fuoco il mal capitato di turno, dopo essere stato per così dire addormentato con qualche pozione poco salutare, finiva per spegnere per sempre i suoi bollenti spiriti in un gorgo di sabbie mobili o forse in qualche fossa improvvisata nel bosco, col povero corpo  esanime alla mercè dei lupi affamati. Oggi, gli imponenti ruderi di quel piccolo maniero non evocano più leggendarie memorie di amore e morte, ma gli imperiosi resti delle caratteristiche torri angolari incutono un certo timore a chi ha ancora il coraggio di avventurarsi sull’impervio sentiero, che conduce lassù, da dove si può ammirare il laghetto sottostante, detto Alaco, e sulla quieta superfice del quale sembra specchiarsi, nell’ombra, l’ennesimo pezzo di storia perduta.

Annunci

Pasqua è con AIRC

Ieri mattina, in Piazza del Popolo, l’associazione “Brognaturo nel cuore” è stata impegnata nella promozione dell’iniziativa che la vede protagonista al fianco dell’AIRC, proponendo la vendita di alcuni biglietti per la vincita di un uovo di Pasqua di 3Kg e donare l’intero ricavato alla ricerca sul cancro.

Estrazione 12 Aprile

17554335_10208640556116900_1511197215484018483_n

Pasqua è con AIRC

calabria-uova-della-ricerca-2016

L’Associazione “Brognaturo nel cuore”, in occasione della Santa Pasqua, ha deciso di aderire e di mettersi al fianco dell’AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro), per poter dare un aiuto. Siamo lieti per aver avuto questa possibilità. Tale manifestazione, dal nome: “L’uovo della Ricerca”, prevede una vendita di 200 biglietti dal costo di 2 euro ciascuno mettendo a sorteggio un uovo di pasqua di 3 kg , tutto fornitoci dall’AIRC stessa. Inoltre, tale vendita verrà eseguita oltre che singolarmente da ognuno di noi, anche in Piazza del Popolo, al nostro stand, Domenica 26 Marzo.

Collaborando ci date una mano per questa importante “missione”.

#associazionesempreinmodalitàON

Regolamento Concorso Fotografico “Un anno in un giorno”

Il concorso “Un anno in un giorno” è un concorso promosso dall’associazione “Brognaturo nel cuore” finalizzato alla valorizzazione del borgo di Brognaturo. La partecipazione al concorso prevede l’accettazione integrale del seguente regolamento.

ART. 1 – PARTECIPAZIONE E ISCRIZIONE AL CONCORSO FOTOGRAFICO

La partecipazione al concorso è aperta a tutti. La partecipazione è subordinata al pagamento di una quota di iscrizione di 10,00 euro che dovrà essere versata e consegnata al click point insieme all’apposito modulo per l’iscrizione il giorno di inizio del concorso. Ai fini di una migliore organizzazione è gradita una una pre-iscrizione informale comunicando i propri dati anagrafici via mail all’indirizzo info@brognaturonelcuore.it con oggetto – Iscrizione workshop “Un anno in un Giorno” o contattando l’organizzazione al numero 3886931113 preferibilmente ore serali

ART. 2 – TEMA DEL CONCORSO

Le fotografie dovranno essere scattate sul territorio del comune di Brognaturo. Le foto devono rientrare in una delle seguenti categorie:

  •  Personaggi custodi della memoria del paese
  •  I luoghi di socialità e la vita del borgo
  •  Patrimonio storico artistico
  •  Paesaggi Rurali.

ART. 3 – TIPOLOGIA DELLE FOTOGRAFIE DIGITALI

Le fotografie dovranno essere scattate il giorno stesso del concorso, pena esclusione dal concorso. I file delle immagini devono essere nel formato JPEG e non sono ammessi altri formati. Sono ammesse le fotografie con effetti contenuti nelle fotocamere (hdr, bianco e nero, etc). Non ci sono limiti di grandezza del file.

ART. 4 – CONSEGNA DEL MATERIALE FOTOGRAFICO

Ogni partecipante potrà consegnare un massimo di 3 fotografie. Le fotografie dovranno essere consegnate alla giuria entro le 17:30 del giorno del concorso. Le fotografie dovranno essere scattate il giorno stesso dell’evento.

ART. 5 – USO DEL MATERIALE DIGITALE CONSEGNATO

Ogni autore, titolare di tutti i diritti sui propri originali, è personalmente responsabile delle opere presentate. Ogni autore conserva la proprietà delle foto consegnate al concorso, ma cede gratuitamente i diritti d’uso illimitato delle immagini all’organizzazione del concorso “Brognaturo nel cuore”, che anche per la promozione del comune di Brognaturo, può pubblicare e diffondere le immagini su riviste, testate, siti internet e su qualsiasi altro supporto mediatico e pubblicitario, con l’unico onere di citare ogni volta l’autore o gli autori delle fotografie. In nessun caso l’organizzazione, senza previo accordo con il fotografo, potrà cedere a terzi ad alcun titolo le fotografie in concorso.

ART. 6 – DIRITTI E RESPONSABILITÀ DEI PARTECIPANTI

Ogni partecipante è responsabile civilmente e penalmente delle proprie opere, sollevando l’organizzazione da ogni responsabilità, anche nei confronti di eventuali soggetti raffigurati nelle fotografie. Il concorrente dovrà informare gli eventuali interessati (persone ritratte) nei casi e nei modi previsti dall’art.10 della legge 675/96 e successiva modifica con D.Lgs. 30 giugno 2003 n.196, nonché procurarsi il consenso alla diffusione degli stessi, pena l’esclusione dal concorso. L’organizzazione fornirà ai partecipante al momento dell’iscrizione la liberatoria da far firmare ai soggetti eventualmente ritratti. In nessun caso le immagini inviate potranno contenere dati qualificabili come sensibili.

ART. 7– PREMIAZIONE

I risultati del Concorso fotografico verranno comunicati il giorno stesso. La Giuria composta da 2 fotografi professionisti, 2 membri dell’associazione promuovente il concorso e dall’ideatore visionerà gli scatti dalle 17e30 alle 19e15. La cerimonia di premiazione si svolgerà alle ore 19:30 del giorno 27/12/2016. Al vincitore del primo premio verrà consegnato un premio in denaro di 150 euro, durante la premiazione saranno anche consegnati gli attestati di partecipazione all’evento.

ART. 8 – ACCETTAZIONE DEL REGOLARMENTO E DELLE SUE CONDIZIONI

La partecipazione al concorso implica l’accettazione incondizionata delle norme contenute nel presente regolamento.

Art. 9 – Informativa D.Lgs 196/2003 sul trattamento dei dati personali

Si informa che in conformità a quanto deliberato dall’art. 10 della legge 675/96, “Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali” e successiva modifica con D.Lgs. 30 giugno 2003 n.196, i dati personali forniti dai concorrenti con la compilazione della scheda di iscrizione, saranno utilizzati per individuare i vincitori e per identificare gli autori delle fotografie nelle varie occasioni in cui queste saranno esposte o pubblicate e per le comunicazioni relative al concorso stesso. Il concorrente ha il diritto di accedere ai dati che lo riguardano e di esercitare i diritti di integrazione, rettifica, cancellazione ecc. garantiti dall’art. 13 della sopra citata legge, al titolare del trattamento. Il conferimento dei dati ed il consenso al relativo trattamento sono condizioni necessarie per la partecipazione al concorso.

ART. 10 – MODIFICHE AL REGOLAMENTO

Gli organizzatori si riservano di apportare modifiche al presente regolamento se volte ad una migliore realizzazione del Concorso. Tali modifiche saranno puntualmente segnalate sul sito internet.

Il programma
9.00 – 9.30: iscrizione dei partecipanti
10.00 – 11.30: workshop “la memoria: rapporto tra fotografia e borgo”
11.30: uscita fotografica a cura e a piacere dei partecipanti
13.30 -14.30: pranzo a buffet a cura dell’organizzazione
17.00: consegna delle foto jpeg
17.30 -19:00: valutazione delle foto da parte della giuria
19.30: premiazione e consegna attestati di partecipazione.